Sulle orme dell’apostolo Paolo

Filippi, Salonicco, Cavala, Atene, Corinto: sono le città toccate da san Paolo nei suoi viaggi missionari. Città nelle quali ancora oggi scorre viva la memoria storica dell’annuncio del Vangelo proclamato dall’apostolo dei gentili, dei pagani, dei non cristiani.

Durante il pellegrinaggio di otto giorni che vi proponiamo, sarà possibile rivivere, alla luce degli Atti degli Apostoli, i primi passi del cristianesimo europeo che è cominciato proprio in Grecia , a partire da Filippi, antica colonia romana. Le rovine di Filippi rivelano lo splendore dell’antica città romana, dotata di santuari, portici e fontane, edifici amministrativi, botteghe: qui avvenne il primo battesimo in territorio europeo, quello di Lidia, una venditrice di stoffe originaria della città di Tiatira, in Asia Minore. Leggiamo infatti negli Atti: “Una di loro chiamata Lidia, venditrice di porpora […] stava ascoltando. […] Dopo che ebbe ricevuto il battesimo ci pregò dicendo: Se voi mi giudicate fedele al Signore, venite a stare a casa mia” (At 16,13-15).

Anche Salonicco conosciuta all’epoca come Tessalonica, porta memoria dell’annuncio di Paolo. Nella bellissima città, attraversata dalla storica via Egnatia, molti Greci ascoltarono le parole dell’apostolo relative alla passione e resurrezione di Cristo, e si convertirono alla novella cristiana.
Nel cammino paolino seguono città meravigliose come Atene, con il suo Areopago, la collina dove il santo tenne il suo discorso agli areopagiti, e Corinto, con il porto di Kekries da cui l’apostolo salpò alla volta di Antiochia. E fu proprio a Corinto che Paolo scrisse la sua lettera sulla carità, sull’amore, forza viva che permette di far nuove tutte le cose.

In questi luoghi, oltre a ripercorrere il cammino di evangelizzazione seguito da san Paolo, sarà possibile incontrare le Caritas diocesane e le comunità locali, con le quali vivere momenti di convivialità e di condivisione: occasioni preziose per conoscere meglio usi e costumi tradizionali, scoprire la realtà di una piccola comunità cattolica chiamata a confrontarsi con una grande Chiesa ortodossa, comprendere le conseguenze sociali prodotte in questi ultimi anni dalla crisi economica.

Per informazioni scrivi a viaggi@gemellaggisolidali.it